Galactic Federation: the Milky Way light alliance

The Galactic Federation (of the Milky Way, in acronym FG ), Galactic Federation of Light, or again, Galactic Confederation, would have been founded over 4.5 million years ago, to prevent the domination and enslavement of free systems by dark races . The grand council of the Galactic Federation is located on the Vega system, in the constellation of Lyra, on the planet Avyon. Currently, there are approximately 200,000 members across star nations, confederations and unions.

Approximately 40% of the inhabitants of the galaxy are humanoid in form (humanoid mammals such as us, Anunnaki, Pleiadians and the human part of the Syrians and Andromedians) while the rest are of various forms of sentient beings (non-humanoid mammals such as the Cetaceans, as well as to non-mammals such as Bellatrixians and other pure energy beings such as Light Beings).


It should be noted that the symbol of the FG (the Ummac Dan ) recalls the star of David (hence Judaism) or the merkaba, the cross (Christianity) and two half-moons facing each other (Islam). Consequently, the three Abrahamic religions are supposed to have originated from extraterrestrial contacts. 
The ” League of the Iron Pact ” between Bellatrixians, Syrians and Pleiadians was the founding nucleus of the FG of the Milky Way. 
The higher hierarchy that dominates in the FG and the Brotherhood of Light is made up of shape-shifting Aliens, Felinoids, Canids and Humans. 
The contactee who claims to receive messages from the Galactic Federation Syrians is Sheldan Nidle.


The contactee who claims to receive messages from the Pleiadians of the flagship (Nibiru) of the galactic fleet (and in particular from its commander Ashtar Sheran) is Jelaila Starr. 

Sheldon Nidle Towards a Galactic Civilization € 15 Average rating on 2 reviews: Not to be missed

Contactist who in 1921 in Germany claimed to receive messages from the Pleiadians of Aldebaran was Maria Orsitsch. The nefarious consequence of this contactee was, apparently (since the messages could also or exclusively come from the negative reptilians), Nazism .


The FG is composed of various councils, including the Council of Nibiru, the Syrian Council, the Lyran Council and the Council of Orion. The administrative and military limits of the Galactic Federation would be called the Frontier .

Galactic Alliance (Audio CD)
by Anne Givaudan 

Buy it on the Garden of Books

It seems that the Earth entered the FG on March 5, 1993 (Syrian Council sector). For some ufologists the fact that we have been associated with the Syrians and not the Pleiadians is explained by the observation that Sirius is 9 light years away from us while the Pleiades are 440 light years away. It seems that this association of ours with the Syrians is not appreciated by the felinoids (like Devin): according to Devin if at the arrival of Nibiru we will remain in the 3rd dimension we will be associated with the Syrians, if we manage to pass into the 4th instead we will not. 
40,000 years ago the end of the Pleio-Syrian war occurred as the Syrian star fleet managed to hit several planets of the Pleiadian systems and the latter declared surrender by accepting the supremacy of Sirius over the Earth’s resources.
In planets like ours, being neutral for now, the negative and positive forces have a bit of the green light: defining the Earth as a real port is the right term at this time. A tourist, hunting or study destination for all intelligent creatures. But when the earthlings become part of the Star League, the Frontier will also be extended to the Solar System, incorporating us into the protected area.

On November 26, 1977, the FG allegedly tried to broadcast a message to the English population by interfering in an English news program of the ITN broadcaster. This message is called ” the Message of Vrillon “.

It may be that the Earth is considered a precious planet, as one of the various (with Nibiru, Avyon, and maybe others today unknown to us from the FG) in which a peaceful coexistence is raised between the main ethnic groups of the Galactic Federation (such as Pleiadians , Syrians, Andromedians, Lyrians and Annunaki, which evidently are not well blended even in the FG and must begin to do so being allies).

Galactic Alliance (Cards)

Anne Givaudan, Stéphane Cavé 

Buy it on the Garden of Books

To solve the problem of the reptilian colonies in the earth’s subsoil (see Mount Shasta) and of the reptilian infiltration of the terrestrial elite and of the affiliation of the dna-mixed it can be suggested that all of them detach politically from the Reptilian Empire to affiliate with the Bellatrixians of the Federation Galactic or Orion’s reptilians (Archons if they’re reptilians) and give up on humans. 
If the Reptilian Empire is made up of birds (eagles), reptiles and ants (all non-mammals) and the Higher Hierarchy is made up of felines (lions), dogs (wolves) and humans, the famous evil-good clash of the Game for the integration of polarities, take the form of a non-mammal VS mammalian clash.

Every race, civilization and planet has a council within the FG in its representation. These councils vary in size and this depends on the population they represent as well as the set of responsibilities they manage within the FG structure. There are thousands of these councils representing many races. The FG is bigger than we can imagine.
The FG has a main supervisory council in which there are representatives from each member council. This council meets in the Great Hall, but each council has its own Great Hall. Perhaps that is why there is so much confusion on this point. Many channelers attend meetings in the Great Hall and think there is only one, whereas in fact it may be the Great Hall of one of the member races or civilizations.
The Council of Nibiru, which is the largest of these councils, has its own Great Hall, but more often meets in the Great Hall of the FG, as its duties involve the management of the FG itself. Nibiru today is not a planet with a civilization, it is actually an FG spaceship with representatives of many races whose role is as a traveling galactic management team. Their mission is to help negotiate alliances, maintain peace between the different worlds of the FG and assist new members. Hence their motto, “ Serving the Worlds ”.


The FG of our Milky Way is located in the Sirius star system. This is why the star Sirius is so important to the Earth and plays such a significant role in our history.
The Galactic Federation of the Milky Way is the oldest in this Universe. It was formed at the end of the first Great Galactic War which was fought in the constellation of Lyra between Humans, Reptilians, Felinoids and Carians. After this war, the survivors decided they had to establish a way to arbitrate disputes so that that kind of destruction (the destruction of the human birthplace Avyon, First Earth) would never happen again. Thus the FG was created, with founding members from Lyra and Orion. Their first flagship, Pelegai, was one of the few remaining intact after the war. It was a very hard time and the wounds of this war would have taken many dimensions of time to heal.

Initially, the FG was very small as few survived the war. The Lyran and Orion Councils doubled to operate as the administrative arm of their newly formed federation. In other worlds they were the Galactic Federation. Over time new races were created as offshoots from the original four and the FG welcomed them as they attained galactic status, as we are going to do now. 
Then the Galactic Federation grew and became a very large and powerful federation of worlds devoted to universal peace and prosperity.

Gaia, our planet, has been transformed from a 3-dimensional Spiritual Hierarchy with the addition of powers in the higher dimensions to a 5-dimensional Spiritual Hierarchy with the same powers. This change has caused the First Contact Team to appoint a committee to follow step by step this change in our planetary spirituality.

According to the “conspiracy theory” as so many like to call it, for 13,000 years there has been a shadow government formed by reptilians (and intermittently by the Anunnaki) that would direct the powerful and the masses of the world like puppets. Such a shadow government would therefore be dark, evil, perfidious, ultimately demonic. Among other things, it would bring inequality, excessive power and money to the upper echelons and misery for the people. But this picture is changing for the better: the Galactic Federation (in particular the Syrians, in whose administrative sector Earth would fall as we have seen) would have decided to wipe out this shadow government for some time. Through various high tech techniques (dimensional grids, etc.) and a good roundup in the underground bases of the planet and among the dark followers of the reptilians in the high spheres of world governments. Soon, according to Nidle, this operation will be made public and the Nuremberg-style trials will begin.

To be clear, let’s make the understanding of FG simpler and sketchy: it could resemble with high certainty the Federation of United Planets of Star Trek and the Galactic Republic of Star Wars (after all, most of the films, books, TV series … they have many funds of truth and true messages) …

Human or not, the Soul takes the most disparate forms for its evolution in matter so that Full Awareness is achieved, it is not important who sends the message, but what stimulates. The enormous quantity and quality of communications lead to an increasingly understanding of the history of the Earth, the way in which we arrived at this point in Time, and the reasons that led us here, for the objectives that we have set ourselves. : to help Mother Earth and ourselves, to fully integrate the Light and the Dark, to regain Full Awareness, lost in the numerous drops of vibrations of this planet.We are all invited to connect to our True Spiritual Self, to no longer follow the religious and scientific dogmatic truths, but those that have always been embedded in every living being. We all have to learn and that’s why we are here. 
We are in the vicinity of enormous physical and consciousness changes. This information certainly helps and stimulates change, but the work we have to do alone, learning to love entirely above all ourselves, and all Beings, unconditionally, respecting the differences of any nature, reaching a state of No Judgment , considering that in all there is a part of Light and a part of Shadow, which must be accepted and balanced, first in oneself, and then in all the others.
The hardest work is certainly the inner one: integrating these two parts, fully accepting and loving our Being, living the daily experiences and discovering the teachings to refine us and remove the waste that we have been carrying inside for millennia. 
We must no longer think selfishly about our own interests, to accumulate money and material goods, to Love only if we are reciprocated, which come from the mind and the Ego, but to go towards the “feeling” that they no longer have “conditions” of no nature, whose source are the Soul and the Heart. The next goal is Unconditional Love so we consciously choose Ascension into the Fifth Dimension.

Federazione Galattica: l’alleanza di luce della Via Lattea

La Federazione Galattica (della Via Lattea, in acronimo FG), Federazione Galattica di Luce, o ancora, Confederazione Galattica, sarebbe stata fondata oltre 4.5 milioni di anni fa, per impedire la dominazione e l’asservimento dei sistemi liberi da parte di razze oscure. Il gran consiglio della Federazione Galattica è situato sul sistema di Vega, nella costellazione della Lyra, sul pianeta Avyon. Attualmente, ci sono circa 200.000 membri tra nazioni stellari, confederazioni ed unioni.

Approssimativamente il 40% degli abitanti della galassia è di forma umanoide (mammiferi umanoidi come noi, Anunnaki, Pleiadiani e la parte umana dei Siriani e degli Andromediani) mentre il resto è di varie forme di esseri senzienti (mammiferi non umanoidi come i Cetacei, oltre ai non-mammiferi come i Bellatrixiani ed altri esseri di pura energia come gli Esseri di luce).


Da notare che il simbolo della FG (l’Ummac Dan) richiama la stella di Davide (quindi l’ebraismo) o la merkaba, la croce (il cristianesimo) e due mezze lune che si danno la schiena (l’ Islam). Di conseguenza si suppone che le tre religioni abramitiche abbiano avuto origine da contatti extraterrestri.
La “Lega del patto di ferro” tra Bellatrixiani, Siriani e Pleiadiani è stato il nucleo fondatore della FG della Via Lattea.
La gerarchia superiore che domina nella FG e nella Fratellanza di Luce è formata da Alieni mutaforma, Felinoidi, Canidi e Umani.
Il contattista che dice di ricevere messaggi dai Siriani della Federazione galattica è Sheldan Nidle.


La contattista che dice di ricevere messaggi dai Pleiadiani dell’ammiraglia (Nibiru) della flotta galattica (ed in particolare dal suo comandante Ashtar Sheran) è Jelaila Starr.


Sheldon Nidle Verso una Civiltà GalatticaVoto medio su 2 recensioni: Da non perdere€ 15

Contattista che nel 1921 in Germania sostenne di ricevere messaggi dai Pleiadiani di Aldebaran fu invece Maria Orsitsch. Conseguenza nefasta di questo contattismo fu, a quanto pare (visto che i messaggi potevano provenire anche o esclusivamente dai rettiliani negativi), il Nazismo.


La FG è composta da vari concili, tra cui il Concilio di Nibiru, il Concilio Siriano, il Concilio Lyrano e il Concilio di Orione. I limiti amministrativi e militari della Federazione galattica sarebbero chiamati la Frontiera.

Alleanza Galattica (CD Audio)
di Anne Givaudan

Compralo su il Giardino dei Libri

Sembra che la Terra sia entrata nella FG il 5 marzo del 1993 (settore Concilio Siriano). Per alcuni ufologi il fatto che siamo stati associati ai Siriani e non ai Pleiadiani viene spiegato dall’osservazione che Sirio dista da noi 9 anni luce mentre le Pleiadi sono distanti 440 anni luce. Sembra che questa nostra associazione ai Siriani non sia gradita ai felinoidi (come Devin): secondo Devin se all’arrivo di Nibiru resteremo in 3° dimensione saremo associati ai Siriani, se riusciremo a passare in 4° invece no.
40.000 anni fa la fine della guerra Pleio-Siriana avvenne poiché la flotta stellare Siriana riuscì a colpire diversi pianeti dei sistemi Pleiadiani e quest’ultimi dichiararono la resa accettando la supremazia di Sirio sulle risorse della Terra.
In pianeti come il nostro, essendo per ora neutrali, le forze negative e positive hanno un po’ il via libera: definire la Terra come un vero e proprio porto è il termine adatto in questo momento. Una meta turistica, di caccia o di studio per tutte le creature intelligenti. Ma quando i terrestri entreranno a far parte della Lega Stellare, la Frontiera verrà estesa anche al Sistema Solare, inglobandoci nella zona protetta.

Il 26 novembre del 1977 la FG avrebbe cercato di irradiare un messaggio alla popolazione inglese mediante un’interferenza in un telegiornale inglese dell’emittente ITN. Tale messaggio è chiamato “il Messaggio di Vrillon“.


Può darsi che la Terra sia considerato un pianeta prezioso, in quanto uno dei vari (con Nibiru, Avyon, e magari altri oggi a noi sconosciuti della FG) in cui vi si alleva una convivenza pacifica tra le principali etnie della Federazione Galattica (come pleiadiani, siriani, andromediani, lyriani ed annunaki, che evidentemente non sono bene amalgamati neanche nella FG e devono iniziare a farlo essendo alleati).

Alleanza Galattica (Carte)

Anne Givaudan, Stéphane Cavé

Compralo su il Giardino dei Libri



Per risolvere il problema delle colonie rettiliane nel sottosuolo terrestre (vedi monte Shasta) e delle infiltrazioni rettiliane nell’elite terrestre e dell’affiliazione dei dna-misti si può suggerire che tutti costoro si stacchino politicamente dall’Impero rettiliano per affiliarsi ai Bellatrixiani della Federazione Galattica o ai rettiliani di Orione (gli Arconti se sono rettiliani) e rinuncino a cibarsi degli umani.
Se l’Impero rettiliano è fatto da uccelli (aquile), rettili e formiche (tutti non mammiferi) e la Gerarchia superiore è fatta da felini (leoni), cani (lupi) e umani, si immagina che il famoso scontro male-bene del Gioco per l’integrazione delle polarità, si configuri come uno scontro non-mammiferi VS mammiferi.

Ogni razza, civilizzazione e pianeta ha un concilio all’interno della FG in propria rappresentanza. Questi concili variano in dimensioni e ciò dipende dalla popolazione che rappresentano così come dall’insieme di responsabilità che gestiscono all’interno della struttura della FG. Ci sono migliaia di questi concili in rappresentanza di molte razze. La FG è più grande di quanto possiamo immaginare.
La FG ha un concilio di sorveglianza principale in cui ci sono rappresentanti da ogni concilio membro. Questo concilio si riunisce nella Grande Sala, ma ogni concilio ha la propria Grande Sala. Forse è per questo che c’è così tanta confusione su questo punto. Molti canalizzatori presenziano agli incontri nella Grande Sala e pensano che ce ne sia solo una, mentre nei fatti potrebbe essere la Grande Sala di una delle razze o civilizzazioni membre.
Il Concilio di Nibiru, che è il più grande di questi concili, ha la sua Grande Sala, ma più spesso si riunisce nella Grande Sala della FG, poiché i suoi compiti coinvolgono la gestione della FG stessa. Nibiru oggi non è un pianeta con una civilizzazione, in realtà è una nave spaziale della FG con rappresentanti di molte razze il cui ruolo è di team di gestione galattica viaggiante. La loro missione è di aiutare la negoziazione di alleanze, il mantenimento della pace tra i diversi mondi della FG e assistere nuovi membri in entrata. Da qui il loro motto, “Servendo i Mondi”.


La FG della nostra Via Lattea è localizzata nel sistema stellare di Sirio. Questo è il motivo per cui la stella Sirio è così importante per la Terra e gioca un ruolo significativo nella nostra storia.
La Federazione Galattica della Via Lattea è la più antica in questo Universo. Fu costituita alla fine della prima Grande Guerra Galattica che fu combattuta nella costellazione della Lyra tra Umani, Rettiliani, Felinoidi e Cariani. Dopo questa guerra, i sopravissuti decisero che dovevano stabilire un modo per arbitrare le dispute così che quel genere di distruzione (la distruzione della casa natale umana Avyon, la Prima Terra) non sarebbe più accaduta. Così fu creata la FG, con i membri fondatori provenienti dalla Lyra e da Orione. La loro prima nave ammiraglia, Pelegai, fu una delle poche rimaste intatte dopo la guerra. Fu un tempo molto duro e le ferite di questa guerra avrebbero richiesto molte dimensioni di tempo per guarire.

Al principio, la FG era molto piccola poiché in pochi erano sopravissuti alla guerra. Il Concilio Lyrano e quello di Orione raddoppiarono per operare come braccio amministrativo della loro neonata federazione. In altri mondi essi furono la Federazione Galattica. Nel tempo furono create nuove razze come germogli dalle originali quattro e la FG diede loro il benvenuto come raggiunsero lo status galattico, come noi ci accingiamo a fare ora.
Quindi la Federazione Galattica crebbe e divenne una grandissima e potente federazione di mondi devoti alla pace e alla prosperità universale.

Gaia, il nostro pianeta, è stata trasformata, passando da una Gerarchia Spirituale a 3 dimensioni con aggiunta di poteri nelle dimensioni più alte, da una Gerarchia Spirituale a 5 dimensioni con gli stessi poteri. Questo cambiamento ha fatto sì che la Squadra di Primo Contatto nominasse un comitato che segue passo passo tale cambiamento della nostra spiritualità planetaria.

Secondo la “teoria del complotto” come moltissimi amano chiamarla, da 13.000 anni esisterebbe un governo ombra formato da rettiliani (e in modo intermittente dagli anunnaki) che dirigerebbe i potenti e le masse del mondo come delle marionette. Tale governo ombra sarebbe dunque oscuro, malvagio, perfido, in ultima analisi demoniaco. Porterebbe tra le altre cose disugualianza, eccessivo potere e denaro alle alte sfere e miseria al popolo. Però questo quadro sta cambiando in meglio: la Federazione Galattica (in particolare i Siriani, nel cui settore amministrativo rientrerebbe la Terra come abbiamo visto) avrebbe deciso di spazzare via questo governo ombra già da qualche tempo. Attraverso varie tecniche high tech (griglie dimensionali, ecc) e una bella retata nelle basi sotterranee del pianeta e tra gli adepti oscuri dei rettiliani nelle alte sfere dei governi mondiali. A breve, secondo Nidle, questa operazione sarà resa pubblica e si incominceranno i processi stile Norimberga.

Per intenderci, rendiamo la comprensione della FG più semplice ed abbozzata: potrebbe assomigliare con elevata certezza alla Federazione dei pianeti uniti di Star Trek e alla Repubblica Galattica di Guerre Stellari (d’altronde la maggior parte dei film, dei libri, delle serie tv… hanno tantissimi fondi di verità e messaggi veri)…

Di forma umana o non, l’Anima prende le forme più disparate per la sua evoluzione nella materia affinchè si realizzi la Piena Consapevolezza, non è importante chi lancia il messaggio, ma ciò che stimola. L’enorme quantità e la qualità delle comunicazioni, portano a comprendere sempre più la storia della Terra, il modo in cui siamo arrivati a questo punto del Tempo, e le ragioni che ci hanno condotto qui, per gli obiettivi che noi stessi ci siamo prefissi: aiutare Madre Terra e noi stessi, ad integrare completamente la Luce ed il Buio, a riprendere la Piena Consapevolezza, persa nelle numerose cadute di vibrazioni di questo pianeta. Siamo tutti invitati a connetterci al nostro Vero Sé Spirituale, a seguire non più le verità dogmatiche religiose e scientifiche, ma quelle che sono da sempre intriseche in ogni essere vivente. Tutti dobbiamo imparare e siamo qui per questo.
Siamo in prossimità di enormi cambiamenti fisici e di coscienza. Queste informazioni sicuramente aiutano e stimolano il cambiamento, ma il lavoro lo dobbiamo fare da soli, imparando ad amare interamente soprattutto noi stessi, e tutti gli Esseri, incondizionatamente, rispettando le differenze di qualunque natura, arrivando ad uno stato di Non Giudizio, considerando che in tutti c’è una parte di Luce e una d’Ombra, che deve essere accettata ed equilibrata, prima in sé stessi, e poi in tutti gli altri.
Il lavoro più duro è certamente quello interiore: integrare queste due parti, accettando ed amando pienamente il nostro Essere, vivendo le esperienze quotidiane e scoprendone gli insegnamenti per affinarci e togliere le scorie che ci portiamo dentro da millenni.
Dobbiamo pensare non più in modo egoistico ai propri interessi, ad accumulare soldi e beni materiali, ad Amare solo se si è ricambiati, che provengono dalla mente e dall’Ego, ma andare verso il “sentire” che non abbiano più “condizioni” di nessuna natura, la cui fonte sono l’Anima e il Cuore. La prossima meta è L’Amore Incondizionato che così scegliamo consapevolmente l’Ascensione in Quinta Dimensione.

Halo: what are the origins and meanings of the golden circle?

The halo, sometimes also called the nimbus , is a figurative attribute used in sacred art, present not only in the Christian religion but also in many others, including Buddhism, to indicate someone’s holiness. It consists of a halo of light that surrounds the head or body: more specifically, the halo is the light that surrounds the body, while the halo is the circle of light that surrounds the head. The combination of the two forms glory , but such a precise distinction is very rare.
In statues the nimbus is usually rendered with a disc or circle (usually in gold or gold color) which is fixed behind the head.

The halo originates from pre-Christian Indo-European religions. In fact, it is found in many mosaics, in ancient Greece for example, a disk of light surrounds the head of the Olympian gods. The halo also appears in Hellenistic funerary steles to express respect for those who belong to the world of the afterlife, or again, on some coins, around the head of the person depicted. A particular type of halo is the radiated one of Sol Invictus, also adopted by Mithraism …

In Christian symbolism, especially Catholic symbolism, it provides a clear graphic illustration representing people or objects of religious significance. The halo is the symbol of divinity and supreme power, the radiant light drawn around the head or body of a saint. Other denominations of the Aureola are:
aura, corona, gloriola, gloria or halo.

The word “aureola” literally means “of gold color”, while its round shape serves to recall the concept of perfection, and therefore of holiness. In general it is possible to distinguish it in this way:

– the nimbus , when the light envelops only the head;
– the halo , when light radiates from the body;
-the almond , the combination of both, used only for Jesus and the Madonna, to symbolize their divine nature.

In Christian representations the use of the halo is governed by very precise rules even if not written. Angels and saints are depicted with the common circular halo. On the other hand, a halo is reserved for Jesus in which a cross is inscribed, usually red and of which only three arms can be seen since the fourth, the lower one, is hidden behind the head of Christ himself. Even God, who is usually represented as an elderly and authoritative person with a beard and long hair, often has a triangular halo. This particular shape is the symbol of the Trinity. For ordinary people, living but already with a reputation for holiness, or for those no longer alive and not yet canonized, the representation with the traditional halo of light in a circle is not allowed. However, starting from the 7th century after Christ, some representations show a square shape for them. This particular shape was dedicated to them because the square symbolizes the earth while the circle the sky.

For the personifications of virtue, polygonal haloes can be used, linked to numerology.
A black halo symbolizes wickedness and is used for the devil or for Judas Iscariot, the traitor of Jesus.

Radiating light has been present in artistic representations since very remote times. As a figurative attribute it has been used in sacred art since the dawn, present in many civilizations and religions, to indicate the divinity of a character, his power, his royalty and subsequently, in the Christian context, holiness. Egyptians, Greeks, and later Romans used a halo of light to emphasize the power of their gods, and later also of their rulers.

The halo has therefore always been understood as a symbol of light and grace conferred directly by God. In the pagan context the halo expressed in a generic way the power, divine, but also human, and this trend continued even in the Christian era, when the halo was used not only to crown the heads of saints and angels, but also of famous people, perhaps rich patrons, or men of intellect, at least until 1600 AD when Pope Urban III categorically forbade that men not yet dead and officially beatified were represented with a halo on their heads.

As we have already seen, the saints were soon awarded the honor of the halo, immediately after Jesus and the Madonna, and with the necessary differences compared to them. The reasons for this honor are obvious. The saints are men and women touched in a special way by divine grace, invested with the love of God, made instruments of His will. The light that they radiate is, therefore, of a dual nature, because on the one hand it springs from their head, from their body, for their own merits, on the other it is the reflection of the divine light that envelops and penetrates them.

The halo on the head of the saints in sacred representations is usually represented as a circle painted in gold or blue. Originally the saints were represented crowned with laurel wreaths, like Roman emperors and Roman personalities, but later the laurel wreath was replaced by a gold crown, and later, by the golden circle. The Holy Apostles were sometimes depicted with a flame on their heads, a symbol of their divine inspiration. Likewise, the Saints Evangelists could be represented as their symbolic animal with the flame around the head. Doctors of the Church and angelic spirits were also sometimes crowned with the flame of Divine inspiration.

The Holy Spirit is not represented with a specific halo as it is usually depicted Himself as light, seven flames or a star ray, symbolizing the seven gifts.

The halo of the Madonna is decorated with 12 stars or a single star, to which are added from one to seven flames.

Throughout the Middle Ages, artists continued to depict round or elliptical haloes, whose representation evolved hand in hand with art itself, adapting to new styles, to new perspective rules. With the Renaissance, the halo went a little out of fashion, because artists began to prefer a more human and carnal dimension of sacred figures. It remains in some works, reduced to a very thin ring of light, almost imperceptible …

Aureola: quali sono le origini e i significati del cerchio d’oro?

L’aureola, alle volte detta anche nimbo, è un attributo figurativo usato nell’arte sacra, presente non solo nella religione cristiana ma anche in molte altre, tra cui il buddhismo, per indicare la santità di qualcuno. Consiste in un alone di luce che avvolge la testa o il corpo: più specificamente, l’aureola è la luce che circonda il corpo, il nimbo invece è il cerchio di luce che circonda il capo. La combinazione dei due forma la gloria, ma tale precisa distinzione è molto rara.
Nelle statue il nimbo è reso di solito con un disco o un cerchio (di solito in oro o color oro) che viene fissato dietro la testa.

L’aureola nasce dalle religioni indo-europee pre-cristiane. La si riscontra infatti in moltissimi mosaici, nell’antica Grecia per esempio, un disco di luce circonda la testa degli dei dell’Olimpo. L’aureola compare anche in stele funerarie ellenistiche per esprimere rispetto a chi appartiene al mondo dell’aldilà, o ancora, su alcune monete, attorno alla testa del personaggio effigiato. Un tipo particolare di aureola è quella raggiata del Sol Invictus, adottata anche dal Mitraismo…

Nel simbolismo cristiano, in particolare in quello cattolico, fornisce una chiara illustrazione grafica che rappresenta persone o oggetti di significato religioso. L’Aureola è il simbolo della divinità e del potere supremo, la luce radiante disegnata intorno alla testa o al corpo di un santo. Altre denominazioni dell’Aureola sono:
aura, corona, gloriola, gloria o alone.

La parola “aureola” significa letteralmente “di color oro”, mentre invece la sua forma rotonda serve a richiamare il concetto di perfezione, e dunque di santità. In generale è possibile distinguerla in questo modo:

-il nimbo, quando la luce avvolge solo la testa;
-l’aureola, quando la luce si irradia dal corpo;
-la mandorla, la combinazione di entrambi, usata solo per Gesù e per la Madonna, per simboleggiare la loro divina natura.

Nelle rappresentazioni cristiane l’uso dell’aureola è disciplinato da regole ben precise anche se non scritte. Angeli e santi sono raffigurati con la comune aureola di forma circolare. A Gesù è invece riservata un’aureola nella quale è inscritta una croce, di solito rossa e di cui se ne vedono solo tre bracci in quanto il quarto, quello inferiore, viene celato dietro la testa del Cristo stesso. Anche Dio, che in genere è rappresentato come una persona anziana ed autorevole con barba e capelli lunghi, ha spesso un’aureola triangolare. Questa particolare forma è il simbolo della Trinità. Per le persone comuni, viventi ma già con fama di santità, o per quelle non più in vita e non ancora canonizzate, non è consentita la raffigurazione con il tradizionale alone di luce a cerchio. Tuttavia a partire dal VII secolo dopo Cristo, alcune raffigurazioni riportano per loro una forma quadrata. Questa particolare forma fu a loro dedicata perchè il quadrato simboleggia la terra mentre il cerchio il cielo.

Per le personificazioni di virtù si possono usare aureole di forma poligonale, legate alla numerologia.
Un’aureola nera simboleggia la malvagità e viene usata per il diavolo oppure per Giuda Iscariota, il traditore di Gesù.

Virtù

La luce irradiante è presente nelle raffigurazioni artistiche fin da epoche molto remote. Come attributo figurativo è stato usato nell’arte sacra fin dagli albori, presente in molte civiltà e religioni, per indicare la divinità di un personaggio, il suo potere, la sua regalità e successivamente, in ambito cristiano, la santità. Egizi, greci, e successivamente romani usavano un alone di luce per sottolineare il potere dei loro dei, e, in un secondo tempo, anche dei loro regnanti.

L’aureola dunque è stata da sempre intesa come simbolo di luce e grazia conferita direttamente da Dio. In ambito pagano l’aureola esprimeva in modo generico il potere, divino, ma anche umano, e questa tendenza proseguì anche nell’era cristiana, quando l’aureola veniva usata non solo per coronare il capo di santi e angeli, ma anche di personaggi famosi, magari ricchi committenti, o uomini d’intelletto, almeno fino al 1600 d.C. quando Papa Urbano III vietò categoricamente che uomini non ancora morti e ufficialmente beatificati venissero rappresentati con l’aureola sul capo.

Principi e Metodi dell'Arte Sacra

Principi e Metodi dell’Arte Sacra € 25.50

Come già abbiamo visto, i santi furono ben presto insigniti dell’onore dell’aureola, subito dopo Gesù e la Madonna, e con le dovute differenze rispetto a loro. Le ragioni di questa onorificenza sono evidenti. I santi e le sante, sono uomini e donne toccati in modo speciale dalla grazia divina, investiti dall’amore di Dio, resi strumenti della Sua volontà. La luce che essi irradiano è, dunque, di duplice natura, perché da una parte scaturisce dal loro capo, dal loro corpo, per i loro stessi meriti, dall’altra è il riflesso della luce divina che li avvolge e li compenetra.

L’aureola sulla testa dei santi nelle raffigurazioni sacre è solitamente rappresentata come un cerchio dipinto d’oro o di azzurro. Originariamente i santi venivano rappresentati incoronati con corone d’alloro, come gli imperatori romani e le personalità romane, ma in seguito la corona d’alloro venne sostituita da una corona d’oro, e successivamente, dal cerchio dorato. I Santi Apostoli venivano a volte raffigurati con una fiamma sul capo, simbolo della loro ispirazione divina. Allo stesso modo, i Santi Evangelisti potevano essere rappresentati come il loro animale simbolo con la fiamma intorno alla testa. Anche i Dottori della Chiesa e gli spiriti angelici venivano talvolta incoronati con la fiamma della Divina ispirazione.

Lo Spirito Santo non viene rappresentato con un’aureola specifica poiché solitamente è raffigurato Esso stesso come luce, sette fiamme o un raggio a stelle, che simboleggiano i sette doni.

L’aureola della Madonna è decorata con 12 stelle o una sola stella, a cui si aggiungono da una a sette fiamme.

Per tutto il Medioevo gli artisti continuarono a raffigurare aureole rotonde o ellittiche, la cui rappresentazione si evolse di pari passo all’arte stessa, adeguandosi ai nuovi stili, alle nuove regole prospettiche. Con il Rinascimento l’aureola passò un po’ di moda, perché gli artisti iniziarono a preferire una dimensione più umana e carnale delle figure sacre. Rimane in alcune opere, ridotta ad un sottilissimo anello di luce, quasi impercettibile…

L'arte dei Primi Cristiani

Pierre Prigent L’arte dei Primi Cristiani

€ 33.57


Dizionario dei Simboli Cristiani

Edouard UrechDizionario dei Simboli CristianiArkeios Edizioni€ 39


Who is Kryon and what are his messages?

The American esoteric writer Lee Carroll claims to receive messages, through the technique of channeling (which we will discuss later in a future article), from an alleged “angelic entity” that he calls Kryon . 
Carroll began publishing the Kryon messages in 1989, abruptly abandoning his previous business as a sound engineer. According to him, Kryon would be a loving being similar to the Archangel Gabriel, coming from the “Source” (or “Central Sun”), whose task would be to assist the evolution of the Earth and humanity, among other things by periodically recalibrating the earth’s geomagnetic field .

With the help of his partner Jane Tober, Carroll has published numerous books and regularly lectures in various countries on these topics. His books have been translated into over twenty languages ​​all over the world with considerable success.

Kryon is the closest Angelic Entity to God that one can contact, which is performing an energetic transformation work on the Planet to bring it to a higher vibrational and evolutionary level. 
Its name has the number 11 as its numerical value 
the vibration of the number 11 allows the passage of spiritual energy from the subtle level to the material level.

This work, known as the ” activation of the Earth’s magnetic grid “, is repeated every 2000 years, coinciding with the change of time eras.

The name of Kryon is actually a spiritual acronym created specifically to use the vibration of the number 11 suitable for this purpose. 
In fact, her full name is Kyrie Eleison , which means ” Lord give me the strength to be able to feel compassion for myself and for others “.

The same number 11 in the “I Ching” represents the hexagram of Peace, a basic condition for living Compassion. 
The word Peace has appeared on all rainbow flags around the world, the very colors with which Kryon most frequently manifests.

Kryon is here to help humanity in this delicate passage, as its energy is Unifying Love and, in addition to its specific work, it allows the connection with all the Masters of all traditions and the connection with the Guides of Light that they support. the process of purification and elevation of human beings.

It opens the heart to the perception of the universality of life and is a great support to proceed, with ever greater awareness, towards spiritual realization. 
Kryon, through its messages gives us many keys to understanding things because, through understanding, the appropriate answers to needs are found.

By concretely applying what Kryon teaches, our evolution increases in speed and intensity, allowing us a real and definitive leap into the new energy.

Moreover, through his Words of Light, he answers without hesitation to every question that is asked, often leaving people amazed by the quality and accuracy of the answers.

His answers are devoid of any form of judgment. 
Through these understandings we learn how to interact energetically, correctly with all that exists, achieving a stable balance and harmony with ourselves and with others.

In addition to Lee Caroll, and David Brown in South Africa, there is another person in the world who, like Lee and David, is in charge of communicating the messages of Kryon to humanity. 
This person is Angelo Picco Barilari, who resides right here in Italy, and this is a rare and extraordinary opportunity for us Italians.

More recently, Monika Muranyi from Australia has joined her channelers.

The Kryon family includes other Angels and Archangels, such as Metatron, Tobias and Michael, who are also channeled by famous channels. 
Kryon claims to inhabit a reality beyond space-time, that of the “now”, which he defines as “the third time dimension”.

The messages of Kryon are at times simple and poetic, more 
often very intellectual and provide very detailed information relating to the energies of our planet, numerology, DNA, the changes of consciousness expected in this period on Earth. Reading the texts of 
his channels can sometimes be quite complex.

Kryon declares to be part of the Magnetic Service, with the aim of serving, within a specific capacity, the 
“schools” of the whole universe in which entities similar in 
evolution to us humans are located , which we would have “chosen” to raise the 
frequency of our planet to a new vibration, resonating with the energies of unity and peace. Starting from the concept that all is One and that each of us is a divine fragment of the great “I AM”, Kryon argues that man 
has chosen to be here in this precise period of transition, to contribute to the awakening of planetary consciousness and the recognition of Love as the unique and immutable cosmic matrix of creation.

Kryon therefore accompanies us to face 
this quantum leap with awareness , carrying out an energetic transformation work of 
the Planet to bring it to a vibratory and evolutionary level higher 
than that experienced to date. He defines this task as “activation of the Earth’s magnetic grid”, which would repeat itself every 2000 years 
in conjunction with the change of time Ages. 
This energetic change is necessary because the 
Earth we inhabit is also a sentient unit in evolution: for this reason it needs to increase its vibrational level by supporting man in the passage to the new consciousness.

Kryon teaches that the Sun is our center and continuously radiates information to the planets, affecting the magnetic grid that permeates our existence, including the DNA instruction sets. 
Kryon also invites us to consider the sensation of the acceleration of time that each of us is experiencing in our life in this period of transition and which for him would be directly connected to this shift in energy …

Kryon-inspired words have changed many lives and brought love and light to some of the darkest places in our inner being. 
For anyone ready for the next evolutionary step, this information from Kryon is invaluable and brings personal and planetary healing.

“What you do here will affect all other planets, plus planets yet to be created. They may not have your divine complement, but what you do will change their awareness. You are, therefore, the catalyst for something so great that you cannot conceive it. It is a test that has been in planning for eons and will eventually change the potentials of other planets having life. But you are the only ones charged with doing it… partly angelic… partly human, you exist for that.

Other planets are free to change their reality as a result of what they decide. But only you are free to become a Master while on earth, changing your current level of vibration and, through this, changing the fabric of time for all others. 

-Kryon, channeled through Lee Carroll

Kryon: chi è e quali sono i suoi messaggi?

Lo scrittore esoterista americano Lee Carroll sostiene di ricevere messaggi, attraverso la tecnica del channeling (della quale parleremo poi meglio in un prossimo articolo), da una presunta “entità angelica” che chiama Kryon.
Carroll iniziò a pubblicare i messaggi di Kryon nell’89, abbandonando repentinamente la sua precedente attività di tecnico del suono. Secondo lui, Kryon sarebbe un essere amorevole simile all’Arcangelo Gabriele, proveniente dalla “Sorgente” (o “Sole Centrale”), il cui compito sarebbe quello di assistere l’evoluzione della Terra e dell’umanità, tra l’altro ricalibrando periodicamente il campo geomagnetico terrestre.

Con l’aiuto della sua compagna Jane Tober, Carroll ha pubblicato numerosi libri e tiene regolarmente conferenze, in diversi paesi, su tali temi. I suoi libri sono stati tradotti in oltre venti lingue in tutto il mondo riscuotendo un notevole successo. Qui sotto mettiamo un link ad uno dei suoi libri su Kryon più esaustivi:

Kryon - La Ricalibrazione dell'Umanità

Lee Carroll, KryonKryon – La Ricalibrazione dell’Umanità Macro Edizioni & Stazione CelesteVoto medio su 13 recensioni: Da non perdere€ 17.5


Kryon è l’Entità Angelica più vicina a Dio che sia possibile contattare, che sta eseguendo un lavoro di trasformazione energetica del Pianeta per portarlo ad un livello vibrazionale ed evolutivo superiore.
Il suo nome ha come valenza numerica il numero 11:
la vibrazione del numero 11 permette il passaggio dell’energia spirituale dal livello sottile al livello materiale.

Questo lavoro, conosciuto come “attivazione della griglia magnetica terrestre“, si ripete ogni 2000 anni, in concomitanza con il cambio delle ere temporali.

Il nome di Kryon è in realtà un acronimo spirituale creato appositamente per utilizzare la vibrazione del numero 11 adatta a questo scopo.
Il suo nome infatti per esteso è Kyrie Eleison, che significa “Signore dammi la forza di essere capace di provare compassione per me stesso e per gli altri“.

Lo stesso numero 11 ne “I Ching” rappresenta l’esagramma della Pace, condizione basilare per vivere la Compassione.
La parola Pace è comparsa su tutte le bandiere arcobaleno di tutto il mondo, proprio i colori con i quali Kryon si manifesta più frequentemente.

Kryon è qui ad aiutare l’umanità in questo delicato passaggio, in quanto la sua energia è Amore Unificante e, oltre al suo lavoro specifico, permette la connessione con tutti i Maestri di tutte le tradizioni e la connessione con le Guide di Luce che sostengono il processo di purificazione e di elevazione degli esseri umani.

Apre il cuore alla percezione dell’Universalità della vita ed è un grande sostegno per procedere, con sempre maggior consapevolezza, verso la realizzazione spirituale.
Kryon, attraverso i suoi messaggi ci dona moltissime chiavi per la comprensione delle cose poiché, proprio attraverso la comprensione, si trovano le risposte appropriate alle esigenze.

Applicando concretamente ciò che Kryon insegna, la nostra evoluzione aumenta di velocità e di intensità, permettendoci un reale e definitivo salto nella nuova energia.

Inoltre attraverso le sue Parole di Luce, risponde senza esitazione ad ogni quesito che gli viene posto, lasciando spesso le persone meravigliate per la qualità e la precisione delle risposte.

Le sue risposte sono prive di qualsiasi forma di giudizio.
Attraverso queste comprensioni apprendiamo come interagire energeticamente, in modo corretto con tutto ciò che esiste, ottenendo un equilibrio e un’armonia stabili con noi stessi e con gli altri.

Oltre a Lee Caroll, e David Brown in Sud-Africa, vi è un’altra persona nel mondo che come Lee e David, è preposta al compito di comunicare i messaggi di Kryon all’umanità.
Questa persona è Angelo Picco Barilari, che risiede proprio qui in Italia, e questa è un’opportunità rara e straordinaria per noi italiani.

Più recentemente, tra i suoi canalizzatori, si è aggiunta l’australiana Monika Muranyi.

La famiglia di Kryon comprende altri Angeli ed Arcangeli, quali Metatron, Tobias e Michael, anch”essi canalizzati da channels famosi.
Kryon dichiara di abitare una realtà oltre lo spazio-tempo, quella dell’ “adesso”, che definisce come “la terza dimensione temporale”.

I messaggi di Kryon sono a tratti semplici e poetici, più
spesso molto intellettuali e forniscono dettagliatissime informazioni relative alle energie del nostro pianeta, alla numerologia, al DNA, ai cambiamenti di coscienza previsti in questo periodo sulla Terra. La lettura dei testi delle
sue canalizzazioni alle volte può risultare abbastanza complessa.

Kryon dichiara di far parte del Servizio Magnetico, con lo scopo di servire, nell’ambito di una capacità specifica, le
“scuole”di tutto l”universo in cui sono dislocate entità simili
evolutivamente a noi umani,che avremmo “scelto” di elevare la
frequenza del nostro pianeta ad una nuova vibrazione, risonante con le energie di unità e di pace. Partendo dal concetto che tutto è Uno e che ognuno di noi è un frammento divino del grande “IO SONO”, Kryon sostiene che l’uomo
ha scelto di essere qui in questo preciso periodo di transizione, per contribuire al risveglio delle coscienze planetarie e al riconoscimento dell’Amore quale unica ed immutabile matrice cosmica del creato.

Kryon ci accompagna pertanto ad affrontare con consapevolezza
questo salto quantico, eseguendo un lavoro di trasformazione energetica
del Pianeta per portarlo ad un livello vibratorio ed evolutivo superiore
rispetto a quello vissuto fino ad oggi. Definisce tale compito come “attivazione della griglia magnetica terrestre”, che si ripeterebbe ogni 2000 anni
in concomitanza con il cambio delle Ere temporali.
Tale cambiamento energetico risulta necessario poiché anche la
Terra che abitiamo è un’unità senziente in evoluzione: per questo essa ha la necessità di aumentare il proprio livello vibrazionale sostenendo l’uomo nel passaggio alla nuova coscienza.

Kryon insegna che il Sole è il nostro centro ed irradia continuamente informazioni ai pianeti, influenzando la griglia magnetica che impregna la nostra esistenza, compresi i set d’istruzioni del Dna.
Kryon ci invita per di più a considerare la sensazione dell’accelerazione del tempo che ognuno di noi sta sperimentando nella propria vita in questo periodo di transizione e che sarebbe per lui collegabile direttamente a questo mutamento di energia…

Le parole ispirate da Kryon hanno cambiato molte vite e hanno portato amore e luce in alcuni luoghi più bui del nostro essere interiore.
Per chiunque sia pronto per il prossimo passo evolutivo, queste informazioni da parte di Kryon hanno un valore incalcolabile e portano guarigione personale e planetaria.

“Quello che fai qui influenzerà tutti gli altri pianeti, più i pianeti ancora da creare. Potrebbero non avere il tuo complemento divino, ma ciò che fai cambierà la loro consapevolezza. Sei, quindi, il catalizzatore di qualcosa di così grande che non puoi concepirlo. È un test che è stato nella pianificazione per eoni e alla fine cambierà i potenziali di altri pianeti che hanno vita. Ma siete gli unici ad avere l’incarico di farlo … in parte angelico … in parte umano, esistete per questo.

Altri pianeti sono liberi di cambiare la loro realtà come risultato di ciò che decidono. Ma solo tu sei libero di diventare Maestro mentre sei sulla terra, cambiando il tuo attuale livello di vibrazione e, attraverso questo, cambiando il tessuto del tempo per tutti gli altri.

-Kryon, canalizzato attraverso Lee Carroll

Kryon - La Nuova Umanità

Lee Carroll, KryonKryon – La Nuova UmanitàMacro Edizioni & Stazione CelesteVoto medio su 9 recensioni: Da non perdere€ 19.5


The Matrix: what if we lived in a simulated reality?

Matrix (The Matrix) is a 1999 science fiction film that had a very strong cultural impact and there are numerous works that refer to it.
The title derives from the Latin term matrix (“matrix”, “generatrix”), which in turn gave rise to the English word “matrix”, or “matrix of numbers”, a tabular type element deriving from mathematical structures, widely used in computer science to associate data, or data systems, with each other. In this case, the matrix represents a sort of cyberspace or simulated reality created by machines …

“ Matrix is ​​everywhere. It is around us. Even now, in the room we are in. It’s what you see when you look out the window, or when you turn on the television. You feel it when you go to work, when you go to church, when you pay taxes. It is the world that has been placed before your eyes to hide the truth from you. »
(Morpheus to Neo)

The film tells the story of a computer programmer who has a secret life as a hacker and who uses the pseudonym of Neo. One day, some rather mysterious sentences relating to a “Matrix” appear on his computer screen. Intrigued, Neo meets some agents and is then led by Morpheus, a mysterious individual who allows him to know everything about the Matrix.

Neo accepts and after having swallowed a red pill , he finds himself in a sort of cabin full of liquid: his body is filled with electric cables and small pipes that lead to a tower where there are other pods equal to the one in which he is positioned. . After being disconnected from the cables, Neo encounters Morpheus, who takes him around aboard the Nebuchadnezzar, a flying hovercarft. Meanwhile, Neo realizes that he has atrophied muscles, since he has never used them.

Morpheus can’t say which year they are in: it could be 2099 or 2199, but it could also be thousands of years later in the future. Regardless of the temporal location, humanity finds itself committed to fighting against all those intelligent machines that it built itself in the twentieth century …
The sky is obscured by black clouds created by men, intent on eliminating the amount of solar energy necessary to supply the machines, which, however, rebelled and decided to use humans themselves as a source of energy. All the people who are inside the pods that Neo saw before are therefore nothing more than human beings incubated by machines, which use the heat produced by the bodies and transform it into energy. In essence, the world Neo has lived in since he was born is nothing more than an illusory reality, called the Matrix, completely simulated and built on a model of the world as it was in 1999.

This reality is used by machines with the aim of constantly keeping humanity under control. Morpheus, together with his men, has the task of freeing the prisoners of the Matrix: he is a free human being committed to recruiting as many men as possible to carry out the resistance against the machines.

Aware that the Matrix is ​​simply a simulation, he and the group that accompanies him are able to equip themselves with extraordinary qualities for a man (for example, they can make their body fast in an incredible way, make very long jumps or walk on walls): this it is possible because, being a false reality, all the laws of physics can be changed. According to Morpheus, Neo is the Chosen One, that is the one who will carry out the war of man against the machines by modifying the Matrix to his liking.

Neo’s skull in the back features a link that was previously used by the Matrix to connect virtual reality with his brain, and which still allows any kind of notion to be loaded directly into his mind. Neo therefore quickly learns different types of martial arts and, fighting in a virtual reality not unlike the Matrix, shows against Morpheus all the skills he has learned and with another training, he becomes aware of the dangers of the Matrix.

It is necessary to know, in fact, that even if it is a virtual reality, the injuries sustained there are also reflected in the real world: in other words, if you die in the Matrix, you also die in reality. Neo is also warned of the existence of the Agents: they are rapid and powerful sentinels capable of suddenly appearing in any place, taking possession of the organism of a person connected to the Matrix in order to eliminate, by any means, any potential threat to the simulation.

Next, the group enters the Matrix and leads Neo to the Oracle: she is the woman who foretold the coming of a Chosen One. The Oracle reveals to Neo that he is endowed with the gift, but seems to be waiting for something, probably a new existence. The woman also explains to him that Morpheus trusts him blindly, to the point of sacrificing his own life to save him.

Preparing to leave the Matrix, the group, while returning to the telephone line used as an emergency exit from virtual reality, is blocked by police officers and agents: Morpheus, in order to save Neo with the help of the team, gets captured. It was a member of the group who betrayed the trust of his companions: he preferred to return to ignorance and unawareness, rather than face the difficulties proposed by real life (free from the matrix) and decided to return to the Matrix permanently. , not before delivering Morpheus to the Agents.

Neo has become familiar with the Matrix’s deceptions and is able to dodge the bullets that an Agent fires at him. As Trinity and Morpheus exit the Matrix using a booth phone, Neo is hunted down by Smith, one of the Agents. The two confront each other with martial arts: Neo seems about to prevail, but the opponent is saved by taking possession of another body. While several sentry ships are in correspondence with the Nebuchadnezzar, Neo, although hunted by the guards, finally manages to reach the phone that will allow him to get out of the Matrix: he does not have time, however, to escape, because he is killed by Smith.

Neo awakens in the Matrix, and his heart starts beating again. The Agents unload more shots at him, but he blocks the bullets simply with the palm of his hand. This is the definitive proof that he is the One. Neo, at this point, is able to see the Matrix in its actual consistency: a set of programming codes made up of green lines. The last attempt to physically assault him fails. Neo destroys the opponent and returns to the real world. Nebuchadnezzar’s weapon destroys the sentry ships, and Neo, back inside the Matrix, telephones the captive people, revealing to them that anything is possible.

What we are experiencing today is the clear demonstration of how the world can be represented to the masses. Than technology, the media and the speed of modern life leave no more room for the human being to “see” and distinguish what is real from what is illusion.
We are witnessing a total manipulation of information, and an attempt to enslave people’s minds in order to control them.

Blocking people’s critical ability is a frequent theme: as soon as you try to take a reasoning out of the box or to bring out news that has not been dealt with by the “mainstream”, you are immediately labeled as “conspiracy theorists” …

” There is a one-in-a-billion chance that this is a basic reality ,” Elon Musk said when asked about the possibility that we live in the Matrix at the 2016 Recode’s Code Conference. That means Musk thinks it’s likely, too. if not for a long time, that at this moment we are living in a simulation rather than in real life. And it is not alone. Noted astrophysicist and amusement destroyer Neil deGrasse Tyson puts the odds on a coin toss we live in the Matrix.

“ The strongest argument for us who are in a simulation is the following: forty years ago, we had Pong. For example, two rectangles and a point. That’s what games were, ” Musk explained at the conference …“ Forty years later we have photorealistic 3-D simulations, with millions of people playing simultaneously and things get better every year. If you assume any rate of improvement, the game will become indistinguishable from reality “.

In 2001, Nick Bostrom, a philosopher at the University of Oxford, circulated a draft of a paper suggesting that a highly advanced supercomputer with a mass the size of a planet would be able to run a simulation on a scale the size of the planet. ‘humanity. ( Bostrum said he hadn’t seen “The Matrix” before publishing the paper. )

Bostrom said this computer would be able to perform 1042 calculations per second and could simulate the entire history of humanity (including all of our thoughts, feelings and memories) using less than a millionth of its processing power for just one second. .

According to this logic, all of humanity and our entire physical universe are just fragments of data stored on the hard drive of a huge supercomputer.

He concluded: ” We are almost certainly characters living in a computer simulation “.

About 15 years later, Elon Musk echoed Bostrum’s ideas at the aforementioned conference …

The Matrix is ​​based on a philosophical question asked by the 17th-century French philosopher and mathematician René Descartes. One of Descartes’ most important theses was intellectual autonomy, or the ability to think for oneself. For Descartes, this means not only having a “good mind”, but also “applying it well”.
Descartes knew that his sensory experiences did not always correspond to reality and he used the Wax Argument to demonstrate how unreliable the senses are: the senses inform us that a piece of wax has a specific shape, texture, smell, but these characteristics they change soon as the wax approaches a flame.
Everything that I have accepted up to now as absolutely true and certain, I have learned through the senses. But at times I have found that these senses have played tricks on me, it is prudent so never completely trust those who once deceived us … So what I thought I saw with my own eyes, I actually only grasped with the faculty of judgment that’s in my mind. 
Descartes was therefore suspicious of his perceptions, of the knowledge he had obtained through his senses and of all his beliefs. He became convinced that one must use one’s mind, rather than one’s senses, to obtain information about the world. In the knowledge system built by Descartes, perception is unreliable as a means of gathering information and the mental process of deduction is the only way to gain true knowledge of the world.

In Meditations on First Philosophy , published in 1641, he takes this idea to its limits and comes to the conclusion that perhaps all of his experiences have been evoked by this evil demon:
“…firmly implanted in my mind is the long-held opinion that there is an almighty God who has made me the kind of creature I am. How do I know it hasn’t ensured that there is no earth, sky, no extended thing, no shape, no dimension, no place, while ensuring that all of these things seem to me to exist just as they do now? Also, just as I consider that others sometimes get lost in cases where they think they have the most perfect knowledge, how do I know that God didn’t provoke it that I too am wrong every time I add two plus three or count i sides of a square, or in some even simpler matter, if it is imaginable? [but] since he is said to be extremely good… I suppose… [that] some mischievous demon of the utmost power and cunning has used all his energy to deceive me. I will think that the sky, the air, the earth, the colors, the shapes, the sounds and all the external things are just the delusions of the dreams that he has devised to trap my judgment. “
Descartes then approached all knowledge, including his own, from a very skeptical perspective. Despite his skepticism, he was certain that he could not be deceived by his own existence, hence his famous dictum cogito ergo sum (I think, therefore I am). By this, Descartes meant that the only thing he did not doubt was his very existence, because the act of thinking and doubting the reality of his perceptions was the affirmation of his existence: saying “I think therefore I am”, he defines the “truth In terms of doubt.

A modern version of Descartes’ riddle is a thought experiment called “brain in a tub”. This is Hilary Putnam’s version of the argument:
“Imagine that a human being… has been subjected to an operation by an evil scientist. The person’s brain … has been removed from the body and placed in a vat of nutrients that keeps the brain alive. The nerve endings have been connected to a… computer which makes the person… have the illusion that everything is perfectly normal. There seem to be people, objects, the sky, etc .; but in reality, everything the person… is experiencing is the result of electronic impulses traveling from the computer to the nerve endings. The computer is so intelligent that if the person tries to raise his hand, the feedback from the computer will make him “see” and “feel” the hand being raised. Furthermore, by varying the program, the evil scientist can make the victim “experience” (or hallucinations) any situation or environment the evil scientist desires. It can also erase the memory of the brain operation, so that the victim will seem to himself to have always been in this environment. The victim may even feel like they are sitting and reading these same words about the funny but quite absurd assumption that there is an evil scientist who removes people’s brains from their bodies and places them in a vat of nutrients that keep brains alive . “
The brain in a vat, although only a rehash of Descartes’s argument, is more directly related to The Matrix. In the film, the pods in which humans spend their lives represent the tub. The only difference is that, instead of only containing brains, the pods contain the entire body.

The Matrix: e se vivessimo in una realtà simulata?

Matrix (The Matrix) è un film di fantascienza del 1999 che ha avuto un fortissimo impatto culturale e sono numerose le opere che vi fanno riferimento.
Il titolo deriva dal termine latino matrix (“matrice”, “generatrice”), che a sua volta ha dato origine al vocabolo inglese “matrix”, ossia “matrice di numeri”, un elemento di tipo tabellare derivante da strutture matematiche, molto utilizzato in informatica per associare dati, o sistemi di dati, tra loro. In questo caso, la matrice rappresenta una sorta di cyberspazio o realtà simulata creata dalle macchine…

«Matrix è ovunque. È intorno a noi. Anche adesso, nella stanza in cui siamo. È quello che vedi quando ti affacci alla finestra, o quando accendi il televisore. L’avverti quando vai al lavoro, quando vai in chiesa, quando paghi le tasse. È il mondo che ti è stato messo davanti agli occhi per nasconderti la verità.»
(Morpheus a Neo)

Il film racconta la storia di un programmatore di computer che ha una vita segreta come hacker e che utilizza lo pseudonimo di Neo. Un giorno, sullo schermo del suo computer compaiono alcune frasi piuttosto misteriose relative ad un “Matrix”. Incuriosito Neo incontra alcuni agenti e viene quindi condotto da Morpheus, un misterioso individuo che gli permette di conoscere tutto ciò che riguarda Matrix.

Neo accetta e dopo aver inghiottito una pillola rossa, si ritrova in una sorta di cabina piena di liquido: il suo corpo è riempito di cavi elettrici e piccoli tubi che conducono ad una torre dove si trovano altri baccelli uguali a quello in cui è posizionato lui. Dopo essere stato scollegato dai cavi, Neo incontra Morpheus, che lo porta in giro a bordo nel Nabucodonosor, un hovercarft volante. Neo nel mentre si rende conto di avere muscoli atrofizzati,visto che non li ha mai usati.

Morpheus non sa dire in quale anno si trovino: potrebbe trattarsi del 2099 o del 2199, ma anche di migliaia di anni più in là nel futuro. A prescindere dalla collocazione temporale l’umanità si ritrova impegnata a combattere contro tutte quelle macchine intelligenti che essa stessa ha costruito nel XX secolo…
Il cielo è oscurato da nuvole nere create dagli uomini, intenzionati ad eliminare la quantità di energia solare necessaria al rifornimento delle macchine, le quali, tuttavia, si sono ribellate e hanno deciso di utilizzare come fonte di energia gli esseri umani stessi. Tutte le persone che si trovano dentro i baccelli che Neo ha visto prima dunque non sono altro che esseri umani incubati dalle macchine, le quali impiegano il calore prodotto dai corpi e lo tramutano in energia. In sostanza, il mondo nel quale Neo è vissuto fin da quando è nato non è altro che una realtà illusoria, chiamata Matrix, completamente simulata e costruita sulla base di un modello del mondo come era nel 1999.

Tale realtà viene impiegata dalle macchine con lo scopo di tenere costantemente sotto controllo l’intera umanità. Morpheus, insieme con i suoi uomini, ha il compito di liberare i prigionieri di Matrix: egli è un essere umano libero impegnato a reclutare il maggior numero possibile di uomini per attuare la resistenza contro le macchine.

Consapevoli che Matrix è semplicemente una simulazione, lui e il gruppo che lo accompagna sono in grado di dotarsi di qualità straordinarie per un uomo (per esempio, possono rendere veloce il proprio corpo in maniera inverosimile, compiere salti lunghissimi o camminare sui muri): questo è possibile perché, trattandosi di una realtà falsa, tutte le leggi della fisica possono essere modificate. Secondo Morpheus, Neo è l’Eletto, cioè colui che porterà a termine la guerra dell’uomo contro le macchine modificando a proprio piacimento il Matrix.

Il cranio di Neo nella parte posteriore presenta un collegamento che in precedenza era usato da Matrix per connettere la realtà virtuale con il suo cervello, e che ancora consente di caricare direttamente nella sua mente qualsiasi tipo di nozione. Neo dunque apprende velocemente diversi tipi di arti marziali e, combattendo in una realtà virtuale non dissimile da Matrix, mostra contro Morpheus tutte le abilità che ha imparato e con un altro addestramento, viene a conoscenza dei pericoli di Matrix.

È necessario sapere, infatti, che anche se si tratta di una realtà virtuale le lesioni subite lì si riflettono anche nel mondo reale: in altri termini, se si muore in Matrix, si muore anche nella realtà. Neo, inoltre, viene avvertito dell’esistenza degli Agenti: si tratta di sentinelle rapide e potenti in grado di comparire all’improvviso in qualsiasi posto, impossessandosi dell’organismo di una persona connessa a Matrix al fine di eliminare, con qualunque mezzo, ogni potenziale minaccia per la simulazione.

Successivamente, il gruppo entra all’interno di Matrix e conduce Neo dall’Oracolo: è la donna che ha predetto la venuta di un Eletto. L’Oracolo rivela a Neo che egli è dotato del dono, ma pare attendere qualcosa, probabilmente una nuova esistenza. La donna, inoltre, gli spiega che Morpheus si fida ciecamente di lui, al punto di arrivare a sacrificare la propria vita pur di metterlo in salvo.

Apprestandosi ad uscire da Matrix, il gruppo, mentre ritorna verso la linea telefonica utilizzata come uscita di sicurezza dalla realtà virtuale, viene bloccato da ufficiali di polizia e Agenti: Morpheus, pur di salvare Neo con l’aiuto della squadra, si fa catturare. È stato un membro del gruppo a tradire la fiducia dei suoi compagni: egli ha preferito tornare nell’ignoranza e nell’inconsapevolezza, piuttosto che affrontare le difficoltà proposte dalla vita reale (libera da matrix) e ha deciso di tornare a Matrix in maniera permanente, non prima di aver consegnato Morpheus agli Agenti.

Neo ormai ha preso confidenza con gli inganni di Matrix e riesce a schivare le pallottole che un Agente gli spara addosso. Mentre Trinity e Morpheus escono da Matrix utilizzando il telefono di una cabina, Neo viene braccato da Smith, uno degli Agenti. I due si affrontano a colpi di arti marziali: Neo pare sul punto di prevalere, ma l’avversario si salva impossessandosi di un altro corpo. Mentre diverse navi-sentinella si trovano in corrispondenza del Nabucodonosor, Neo, seppure braccato dalle guardie, riesce a raggiungere finalmente il telefono che gli permetterà di uscire da Matrix: non fa in tempo, però, a fuggire, perché viene ucciso da Smith.

Neo si risveglia in Matrix, e il suo cuore ricomincia a battere. Gli Agenti gli scaricano addosso altri spari, ma lui blocca le pallottole semplicemente con il palmo della mano. Questa è la prova definitiva che l’Eletto è lui. Neo, a questo punto, riesce a vedere Matrix nella sua consistenza effettiva: un insieme di codici di programmazione formato da linee verdi. L’ultimo tentativo di assalirlo fisicamente va a vuoto. Neo distrugge l’avversario e torna nel mondo reale. L’arma del Nabucodonosor distrugge le navi-sentinella, e Neo, tornato all’interno di Matrix, telefona alle persone prigioniere, rivelando loro che tutto è possibile.

Quello che stiamo vivendo oggi, è la dimostrazione evidente di come si può rappresentare il mondo alle masse. Di quanto la tecnologia, i media e la velocità della vita moderna, non lasci più spazio all’essere umano per “vedere” e distinguere, ciò che è reale, da ciò che è illusione.
Stiamo assistendo ad una manipolazione totale delle informazioni, e ad un tentativo di schiavizzare le menti delle persone per poterle controllare.

Bloccare la capacità critica della gente, è un tema frequente: appena si cerca di portare fuori dagli schemi un ragionamento o di far emergere una notizia che non è stata trattata dal “mainstream”, si viene etichettati subito come “complottisti”…

C’è una possibilità su un miliardo che questa sia una realtà di base“, ha detto Elon Musk quando gli è stato chiesto della possibilità che viviamo in Matrix alla Recode’s Code Conference del 2016. Ciò significa che Musk pensa che sia probabile, anche se non da molto, che in questo momento stiamo vivendo all’interno di una simulazione invece che nella vita reale. E non è solo. Il noto astrofisico e distruttore di divertimenti Neil deGrasse Tyson mette le probabilità a un lancio di moneta che viviamo in Matrix.

L’argomento più forte per noi che siamo in una simulazione è il seguente: quarant’anni fa, avevamo Pong. Ad esempio, due rettangoli e un punto. Ecco cosa erano i giochi “, ha spiegato Musk alla conferenza… “Quarant’anni dopo abbiamo simulazioni 3-D fotorealistiche, con milioni di persone che giocano simultaneamente e le cose migliorano ogni anno. Se si assume un qualsiasi tasso di miglioramento, il gioco diventerà indistinguibile dalla realtà “.

Nel 2001, Nick Bostrom, un filosofo dell’Università di Oxford, fece circolare una bozza di un documento che suggeriva che un supercomputer altamente avanzato con una massa della portata di un pianeta, sarebbe stato in grado di eseguire una simulazione su scala delle dimensioni dell’umanità. ( Bostrum disse che non aveva visto “The Matrix” prima di pubblicare il giornale.)

Bostrom ha detto che questo computer sarebbe in grado di eseguire 1042 calcoli al secondo e potrebbe simulare l’intera storia dell’umanità (inclusi tutti i nostri pensieri, sentimenti e ricordi) utilizzando meno di un milionesimo della sua potenza di elaborazione per un solo secondo.

Secondo questa logica, tutta l’umanità e il nostro intero universo fisico sono solo frammenti di dati memorizzati nel disco rigido di un enorme supercomputer.

Ha concluso: ” Siamo quasi certamente personaggi che vivono in una simulazione al computer“.

Circa 15 anni dopo, Elon Musk fece eco alle idee di Bostrum presso la conferenza sopracitata…

Matrix si basa su una domanda filosofica posta dal filosofo e matematico francese del XVII secolo René Descartes. Una delle tesi più importanti di Descartes era l’autonomia intellettuale, o la capacità di pensare per se stessi. Per Descartes, ciò significa non solo avere una “buona mente”, ma anche “applicarla bene”.
Descartes sapeva che le sue esperienze sensoriali non sempre corrispondevano alla realtà e usò l’Argomento della cera per dimostrare quanto siano inaffidabili i sensi: i sensi ci informano che un pezzo di cera ha una forma, una consistenza, un odore specifici, ma queste caratteristiche cambiano presto quando la cera si avvicina a una fiamma.
Tutto ciò che ho accettato fino ad ora come assolutamente vero e sicuro, l’ho imparato attraverso i sensi. Ma a volte ho scoperto che questi sensi mi hanno giocato degli scherzi, è prudente quindi non fidarsi mai del tutto di coloro che una volta ci hanno ingannato… Così ciò che pensavo di aver visto con i miei occhi, in realtà l’ho afferrato solo con la facoltà di giudizio che è nella mia mente.
Descartes era quindi sospettoso delle sue percezioni, della conoscenza che aveva ottenuto attraverso i suoi sensi e di tutte le sue convinzioni. Si convinse che bisogna usare la propria mente, piuttosto che i propri sensi, per ottenere informazioni sul mondo. Nel sistema di conoscenza costruito da Cartesio, la percezione è inaffidabile come mezzo per raccogliere informazioni e il processo mentale di deduzione è l’unico modo per acquisire una vera conoscenza del mondo.

In Meditations on First Philosophy, pubblicato nel 1641, porta questa idea ai suoi limiti e giunge alla conclusione che forse tutte le sue esperienze sono state evocate da tale demone malvagio:
“… saldamente impiantata nella mia mente è l’opinione di lunga data che ci sia un Dio onnipotente che mi ha reso il tipo di creatura che sono. Come faccio a sapere che non ha fatto sì che non ci sia terra, cielo, nessuna cosa estesa, nessuna forma, nessuna dimensione, nessun luogo, assicurando allo stesso tempo che tutte queste cose mi sembrino esistere proprio come lo fanno adesso? Inoltre, proprio come considero che gli altri a volte si smarriscono nei casi in cui pensano di avere la conoscenza più perfetta, come faccio a sapere che Dio non l’ha provocata che anch’io sbaglio ogni volta che aggiungo due più tre o conto i lati di un quadrato, o in qualche materia ancora più semplice, se è immaginabile? [ma] poiché si dice che sia estremamente buono … suppongo … [che] qualche demone malizioso della massima potenza e astuzia abbia impiegato tutte le sue energie per ingannarmi. Penserò che il cielo, l’aria, la terra, i colori, le forme, i suoni e tutte le cose esterne sono solo le delusioni dei sogni che ha escogitato per intrappolare il mio giudizio.”
Descartes quindi si avvicinò a tutta la conoscenza, compresa la sua, da una prospettiva molto scettica. Nonostante il suo scetticismo, lui era certo che non si potesse lasciar ingannare dalla propria esistenza, da qui il suo famoso dictum cogito ergo sum ( penso, quindi sono ). Con ciò, Descartes intendeva che l’unica cosa di cui non dubitava era la sua stessa esistenza, perché l’atto di pensare e dubitare della realtà delle sue percezioni era affermazione della sua esistenza: dicendo “penso quindi sono”, definisce la “verità” in termini di dubbio.

Una versione moderna dell’enigma di Cartesio è un esperimento mentale chiamato “cervello in una vasca”. Questa è la versione dell’argomento di Hilary Putnam :
“immagina che un essere umano … sia stato sottoposto a un’operazione da uno scienziato malvagio. Il cervello della persona … è stato rimosso dal corpo e posto in una vasca di sostanze nutritive che mantiene in vita il cervello. Le terminazioni nervose sono state collegate a un … computer che fa sì che la persona … abbia l’illusione che tutto sia perfettamente normale. Sembra che ci siano persone, oggetti, il cielo, ecc .; ma in realtà, tutto ciò che la persona … sta sperimentando è il risultato di impulsi elettronici che viaggiano dal computer alle terminazioni nervose. Il computer è così intelligente che se la persona cerca di alzare la mano, il feedback del computer gli farà “vedere” e “sentire” la mano che viene sollevata. Inoltre, variando il programma, lo scienziato malvagio può far “ sperimentare ” la vittima (o allucinazioni) qualsiasi situazione o ambiente desideri dallo scienziato malvagio. Può anche cancellare la memoria dell’operazione cerebrale, in modo che la vittima sembrerà a se stesso essere sempre stata in questo ambiente. Alla vittima può persino sembrare di essere seduta e di leggere queste stesse parole sulla supposizione divertente ma abbastanza assurda che ci sia uno scienziato malvagio che rimuove il cervello delle persone dai loro corpi e le mette in una vasca di sostanze nutritive che mantengono in vita i cervelli.”
Il cervello in una vasca, sebbene sia solo un rimaneggiamento dell’argomento di Cartesio, è più direttamente correlato a The Matrix. Nel film i baccelli in cui gli umani trascorrono la loro vita rappresentano la vasca. L’unica differenza è che, invece di contenere solo cervelli, i baccelli contengono l’intero corpo.

Figli di Matrix

David IckeFigli di MatrixDa migliaia di anni una razza proveniente da un’altra dimensione tiene soggiogata l’umanità… agendo sotto ai nostri occhiMacro EdizioniVoto medio su 37 recensioni: Da non perdere€ 28


Sun Gazing: the power to feed on the sun and its benefits

The Sungazing is the act of looking directly at the sun during sunrise and / or sunset to draw energy and other benefits. It is sometimes practiced as part of a spiritual or religious practice. The human eye is very sensitive and prolonged exposure to direct sunlight can also lead to serious damage to the eyes: this is why in this article we are going to see how to practice it correctly and how to benefit from it.

In 1962, Mother Mira of the Ashram, Pondicherry, India, suggested to Hira Raten Manek (HRM) that it was time to bring sun observation to the modern world as well. HRM then read extensively and deeply for thirty long years about the sun-gazing practices of ancient times, which were once common across the globe in nearly every culture. This method is now accepted as a popular health practice known as Sun Gazing…

The sun, directly or indirectly, energizes, nourishes, recharges and revitalizes all life, especially the physical body. Think about why we like to be outdoors in the sun, and especially those sun-kissed beach holidays? The sun can affect our moods as well as our health. We generally feel happy and healthy when exposed to the sun (even in small doses) and gloomy after several consecutive cloudy, gray and rainy days.

Those who live in areas where sunlight is minimal suffer from “winter blues,” a type of depression also known as SAD (seasonal affective disorder), and light therapy is often required. 
– “ Vitamin D, ‘the sunshine vitamin’ is a vital nutrient for your body. Vitamin D is only produced in the body through the sun ”- says Paula Begoun. Vitamin D supplements are a bad substitute for direct sunlight and must therefore be integrated with correct and constant exposure to sunlight.

The daily practice of observing the sun provides the body with the necessary Chi or Prana (life energy) and when absorbed through the eyes it can help reduce stress, worry, anxiety, fear, anger, sadness … According to Hira Ratan Manek, looking at the sun can apparently balance emotions within the first 3 months (up to 15 minutes) of practice and heal the body of illness within 3-6 months (15-30 minutes) and 6 to 9 months ( 30-44 minutes) and regulates the need for large food intakes. Obviously these results vary from person to person and depend on where it is practiced and the consistency of daily practice.

Scientific research supports the benefits of observing the sun. 
According to Dr. Edward F. Group III of the Global Healing Center, some benefits of the practice include increased production of melatonin and serotonin. Research has found that when direct sunlight enters the eye, it travels through the retinohypothalamic tract and continues into the brain. The pineal gland is then stimulated to secrete both melatonin and serotonin, two fundamental hormones that regulate sleep / wake cycles and positive moods, respectively. Melatonin is also a powerful antioxidant that slows down the negative effects of aging.

Increased size of the pineal gland: Bombarded with fluoride, toxins and electromagnetic pollution, the pineal gland shrinks and calcifies as we age, compromising the production of melatonin and serotonin. Looking at the sun has been shown to enlarge the gland. Brain scans from a 70-year-old longtime practitioner revealed a pineal gland three times larger than an average man.

More energy: Observers of the sun report greater vitality. 
Dr. Group believes this is due to the release of melatonin and serotonin. Watching the sun also curbs your appetite and helps you reduce weight. When we don’t get enough sunlight, vitamin D levels drop, which leads to weight gain. The craving for carbohydrates and sugar also increases due to low serotonin, triggering false hunger signals. The benefits of the practice are substantial, but it’s not for everyone. As Dr. Group points out, “ observing the sun is an interesting practice that touches the spiritual and psychological realms, which are very personal things. Everyone is wired a little differently ”.

Every human being is endowed with innumerable talents and infinite powers intrinsic by nature. Individuals should never underestimate themselves. Everyone has it. If we use these powers we can take ourselves to great levels … 
If we can activate the human brain and awaken these infinite powers inherent in us, then we can rise to higher levels. We can achieve all the desired results. Solar energy is the source that powers the brain, which can enter and leave the human body or brain only through one organ: the eye.

The best time to stare directly into the sun is during sunrise or sunset as the rays aren’t as strong as the rest of the day. 
It is scientifically proven beyond a reasonable doubt that in those certain moments you are free from exposure to UV and IR rays, therefore safe.

How to practice watching the sun safely

  • Practice it in the morning, within one hour of sunrise or / and sunset because, as we have just said, these are the safest times to do it.
  • Stand barefoot on the ground. If you can’t see the sun from the ground, then a balcony or roof will work.
  • Remove contact lenses or glasses and don’t look at the sun through windows.
  • Look directly at the sun for 10 seconds and rise to about 30 minutes per day.
  • If the sun is too bright, you can squint, look around the sun, or raise your hands and form a triangle and hold it against the sun. Then stare either around the sun or across the space between your hands.
  • On cloudy days, observe the position where the sun is behind the clouds.
  • Set your intentions in the sun as part of your daily meditation practice. 
    – ” Also visualize the light entering the front of your chakras, all your trillions of cells, your organs, in the center of your brain, especially in the parts where you are in pain ” – (Michaela Light)

This phenomenon is in fact a rediscovery of a scientific ritual, which in ancient times was used to cure physical, mental, emotional and spiritual diseases. The ancient Indians called this practice Surya Namaskar, where the ancient Egyptians and Americans called it heliotherapy and Europeans called it Apollo therapy … 
Traditionally, humans eat secondary sources of energy as plants and other vegetation depend heavily on the sun for their growth, in a nutshell, the idea here is to learn to absorb energy from the primary source, ie the sun itself.

The pineal gland is strongly connected to sunlight for this reason many traditions recommend waking up very early and meditating and observing the sun at dawn. The same reason why populations in which there is a lot of women and men develop earlier and have greater fertility.

The eye would be the portal from the external world to the internal world: in fact what we see and how we move the eye generates nerve impulses that reach the hypothalamus and have a cascading effect on all the glands and the endocrine system of the body. The ancients said that the eye is the mirror of the soul …

In the Taoist tradition, there are specific practices for observing the sun and they are taught only to initiates. They must be practiced correctly and in any case do not involve observing the sun for more than a few minutes at sunrise or sunset. And observing the sun is only part of the technique, then this energy is used specifically. Therefore, the Taoist technique is in contrast with the claims of those who argue that we must necessarily reach 40 minutes a day.

According to Hira Ratan Manek, the diffuser and creator of the modern Sun Gazing technique, there are many benefits and few risks. The ancient practices that involved observing the sun were more complex and did not involve observing the sun for a long time and above all they were not recommended to the population but only to initiates …

Sun Gazing: il potere di nutrirsi del sole e i suoi benefici

Il Sungazing è l’atto di guardare direttamente il sole durante l’alba e/o il tramonto per trarne energia ed altri benefici. A volte è praticato come parte di una pratica spirituale o religiosa. L’occhio umano è molto sensibile e l’esposizione prolungata alla luce solare diretta può portare anche a gravi danni agli occhi: è per questo che in questo articolo andremo a vedere bene come praticarlo correttamente e come trarne i benefici.

Nel 1962 Madre Mira dell’Ashram, di Pondicherry, India, suggerì ad Hira Raten Manek (HRM) che fosse il momento di portare l’osservazione del sole anche nel mondo moderno. HRM ha poi letto ampiamente e profondamente per trenta lunghi anni sulle pratiche di guardare il sole dei tempi antichi, che un tempo erano comuni in tutto il mondo in quasi tutte le culture. Questo metodo è ora accettato come una pratica sanitaria popolare nota come Sun Gazing…

Sungazing

Simonetta FarnesiSungazingL’antica pratica del guardare il sole – Una via iniziaticaOm EdizioniVoto medio su 1 recensioni: Da non perdere€ 12


Il sole, direttamente o indirettamente, energizza, nutre, ricarica e rivitalizza tutta la vita, in particolare il corpo fisico. Pensa al motivo per cui ci piace stare all’aria aperta al sole, e in particolare quelle vacanze al mare baciate dal sole? Il sole può influenzare i nostri stati d’animo così come la nostra salute. In genere ci sentiamo felici e sani se esposti al sole (anche a piccole dosi) e cupi dopo diversi giorni consecutivi nuvolosi, grigi e piovosi.

Coloro che vivono in aree in cui la luce solare è minima, soffrono di “depressione invernale”, un tipo di depressione noto anche come SAD (disturbo affettivo stagionale) e spesso è necessaria la terapia della luce.
– “La vitamina D, ‘la vitamina del sole ‘ è un nutriente fondamentale per il tuo corpo. La vitamina D è prodotta solo nel corpo attraverso il sole” – dice Paula Begoun. Gli integratori di vitamina D sono un cattivo sostituto della luce solare diretta e vanno dunque integrati ad una corretta e costante esposizione alla luce solare.

La pratica quotidiana dell’osservazione del sole fornisce al corpo la necessaria Chi o Prana (energia vitale) e quando viene assorbita attraverso gli occhi può aiutare a ridurre lo stress, la preoccupazione, l’ansia, la paura, la rabbia, la tristezza… Secondo Hira Ratan Manek, guardare il sole può apparentemente bilanciare le emozioni entro i primi 3 mesi (fino a 15 minuti) di pratica e guarire il corpo dalla malattia entro 3-6 mesi (15-30 minuti) e da 6 a 9 mesi (30-44 minuti) e regola la necessità di grandi assunzioni di cibo. Ovviamente questi risultati variano da persona a persona e dipendono da dove si pratichi e dalla coerenza della pratica quotidiana.

La ricerca scientifica sostiene i vantaggi dell’osservazione del sole.
Secondo il Dr. Edward F. Gruppo III del Global Healing Center, alcuni vantaggi della pratica includono una maggiore produzione di melatonina e serotonina. La ricerca ha scoperto che quando la luce solare diretta entra negli occhi, si sposta attraverso il tratto retinoipotalamico e continua nel cervello. La ghiandola pineale viene quindi stimolata a secernere sia la melatonina che la serotonina, due ormoni fondamentali che regolano rispettivamente i cicli sonno / veglia e gli stati d’animo positivi. La melatonina è anche un potente antiossidante che rallenta gli effetti negativi dell’invecchiamento.

Aumento delle dimensioni della ghiandola pineale: bombardata da fluoro, tossine e inquinamento elettromagnetico, la ghiandola pineale si restringe e calcifica con l’avanzare dell’età, compromettendo la produzione di melatonina e serotonina. È stato dimostrato che guardare il sole allarga la ghiandola. Le scansioni cerebrali di un praticante di lunga data di 70 anni hanno rivelato una ghiandola pineale tre volte più grande di un uomo medio.

Più energia: gli osservatori del sole segnalano una maggiore vitalità.
Il Dr. Group ritiene che ciò sia dovuto al rilascio di melatonina e serotonina. Anche guardare il sole frena l’appetito e aiuta a ridurre il peso. Quando non riceviamo abbastanza luce solare, i livelli di vitamina D diminuiscono, il che porta ad un aumento di peso. Anche la voglia di carboidrati e zucchero aumenta a causa della bassa serotonina, innescando falsi segnali di fame. I vantaggi della pratica sono sostanziali, ma non è per tutti. Come sottolinea il Dr. Group, “l’osservazione del sole è una pratica interessante che tocca i regni spirituale e psicologico, che sono cose molto personali. Ognuno è cablato in modo un po’ diverso” .

Ogni essere umano è dotato di innumerevoli talenti ed infiniti poteri intrinseci per natura. Gli individui non dovrebbero mai sottovalutarsi. Ognuno ne è dotato. Se utilizziamo questi poteri possiamo portarci a grandi livelli…
Se possiamo attivare il cervello umano e risvegliare questi poteri infiniti insiti in noi, allora possiamo elevarci a livelli più alti. Possiamo ottenere tutti i risultati desiderati. L’energia solare è la fonte che alimenta il cervello, che può entrare ed uscire dal corpo umano o dal cervello solo attraverso un organo: l’occhio.

Il momento migliore per fissare direttamente il sole è durante l’alba o il tramonto poiché i raggi non sono forti quanto il resto della giornata.
È scientificamente provato oltre ogni ragionevole dubbio che in quei determinati momenti si è esenti dall’esposizione ai raggi UV e IR, dunque sicuri.

Come esercitarsi a guardare il sole in sicurezza

  • Praticalo al mattino, entro massimo un’ora dall’alba o / e dal tramonto perchè, come abbiamo appena detto, sono i momenti più sicuri per farlo.
  • Stai a piedi nudi per terra. Se non riesci a vedere il sole da terra, allora funzionerà un balcone o un tetto.
  • Rimuovi le lenti a contatto o gli occhiali e non guardare il sole attraverso le finestre.
  • Guarda direttamente il sole per 10 secondi ed aumenta fino a circa 30 minuti al giorno.
  • Se il sole è troppo luminoso, puoi strizzare gli occhi, guardare intorno al sole o alzare le mani e formare un triangolo e tenerlo contro il sole. Quindi fissa o intorno al sole o attraverso lo spazio tra le tue mani.
  • Nelle giornate nuvolose, osserva la posizione in cui il sole è dietro le nuvole.
  • Imposta le tue intenzioni al sole come parte della tua pratica meditativa quotidiana.
    – “Visualizza anche la luce che entra nella parte anteriore dei tuoi chakra, tutti i tuoi trilioni di cellule, i tuoi organi, nel centro del tuo cervello, specialmente nelle parti in cui hai dolore” – (Michaela Light)

Tale fenomeno è infatti una riscoperta di un rituale scientifico, che nell’antichità veniva utilizzato per curare malattie fisiche, mentali, emotive e spirituali. Gli antichi indiani chiamavano questa pratica Surya Namaskar, dove gli antichi egizi e americani la chiamavano elioterapia e gli europei la chiamavano terapia Apollo…
Tradizionalmente, gli esseri umani mangiano fonti secondarie di energia poiché le piante e l’altra vegetazione dipendono fortemente dal sole per la loro crescita, in poche parole, l’idea qui è imparare ad assorbire energia dalla fonte primaria, cioè il sole stesso.

La ghiandola pineale è fortemente collegata alla luce solare per questo motivo molte tradizioni consigliano di svegliarsi molto presto e di meditare ed osservare il sole all’alba. Lo stesso motivo per cui le popolazioni in cui vi è molto sole le donne e gli uomini sviluppano prima ed hanno una maggiore fertilità.

L’occhio sarebbe il portale dal mondo esterno al mondo interno: infatti ciò che vediamo e come muoviamo l’occhio genera degli impulsi nervosi che arrivano fino all’ipotalamo ed hanno un effetto a cascata su tutte le ghiandole e il sistema endocrino del corpo. Gli antichi dicevano che l’occhio è lo specchio dell’anima…

Nella tradizione taoista, ci sono delle pratiche specifiche per osservare il sole e vengono insegnate solo agli iniziati. Devono essere praticate correttamente e comunque non prevedono di osservare il sole per più di qualche minuto all’alba o al tramonto. E osservare il sole è solo una parte della tecnica, poi quest’energia viene usata in modo specifico. Quindi, la tecnica taoista va in contrasto con le affermazioni di chi sostiene che si debba per forza arrivare a 40 minuti al giorno.

Secondo Hira Ratan Manek, il diffusore e creatore della moderna tecnica del Sun Gazing, ci sono molti benefici e pochi rischi. Le pratiche antiche che prevedavano l’osservazione del sole erano più complesse e non prevedavano di osservare il sole per lungo tempo e soprattutto non erano raccomandate alla popolazione ma solo agli iniziati…