La luna e i suoi misteri

La Luna è l’unico satellite della Terra. Il suo nome proprio viene talvolta utilizzato, per antonomasia, come sinonimo di satellite anche per i corpi celesti che orbitano attorno ad altri pianeti.

Orbita a una distanza sufficientemente vicina da essere osservabile ad occhio nudo, così che sulla sua superficie è possibile distinguere delle macchie scure e delle macchie chiare. Essendo in rotazione sincrona rivolge sempre la stessa faccia verso la Terra.

Durante il suo moto orbitale, il diverso aspetto causato dall’orientazione rispetto al Sole genera delle fasi chiaramente visibili e che hanno influenzato il comportamento dell’uomo fin dall’antichità. Impersonata dai greci nella dea Selene, fu da tempo remoto considerata influente sui raccolti, le carestie e la fertilità. Condiziona la vita sulla Terra di molte specie viventi, regolandone il ciclo riproduttivo e i periodi di caccia; agisce sulle maree e la stabilità dell’asse di rotazione terrestre.

Si pensa che la Luna si sia formata 4,5 miliardi di anni fa, non molto tempo dopo la nascita della Terra. Esistono diverse teorie riguardo alla sua formazione; la più accreditata è che si sia formata dall’aggregazione dei detriti rimasti in orbita dopo la collisione tra la Terra e un oggetto delle dimensioni di Marte chiamato Theia.

Il suo simbolo astronomico ☾ è una rappresentazione stilizzata della sua fase calante.

Luna Rossa

Miranda Gray
Luna Rossa
Capire e usare i doni del ciclo mestruale
Macro Edizioni
Voto medio su 49 recensioni: Da non perdere€ 19.50

Ai tempi di Pitagora, come enunciava la scuola pitagorica, veniva considerata un pianeta. Uno dei primi sviluppi dell’astronomia fu la comprensione dei cicli lunari. Già nel V secolo a.C. gli astronomi babilonesi registrarono i cicli di ripetizione (saros) delle eclissi lunari e gli astronomi indiani descrissero i moti di elongazione della Luna. Successivamente fu spiegata la forma apparente della Luna, le fasi, e la causa della Luna piena. Sebbene i cinesi della dinastia Han credessero che la Luna avesse un’energia di tipo Ki, la loro teoria ammetteva che la luce della Luna fosse solo un riflesso di quella del Sole.


Galileo scoprì che la sua superficie non era liscia, bensì corrugata e composta da vallate, monti alti e crateri.

L’astronomo Alfonso Fresa, ponendosi il problema dell’abitabilità della Luna, la legava inscindibilmente alla presenza dell’acqua e dell’aria:

«Innanzitutto bisogna intendersi sul significato della parola vita, la quale, se va intesa nel senso organico, molto difficilmente potrà ancora albergare sulla Luna, giacché mancano lassù i fattori necessari alla sua esistenza: l’aria e l’acqua. Si potrebbe obiettare che un’assenza completa di esse non debba essere presa alla lettera, perché pur non verificandosi nemmeno in piccolissima parte i fenomeni di rifrazione, un residuo sparutissimo di aria può esistere sul nostro satellite, per quanto anche l’analisi spettroscopica abbia confermato che il nostro satellite è completamente privo di atmosfera
(Fresa, pp. 434-435)

La Luna è spesso protagonista in molte mitologie e credenze popolari. Le numerose divinità lunari sono spesso femminili, come le dee greche Selene e Artemide, e le loro equivalenti romane Luna e Diana. Si possono trovare anche divinità maschili, come Nanna o Sin dei Mesopotamici, Thot degli Egiziani, Men dei Frigi e il dio giapponese Tsukuyomi… ed anche Isil, che fa parte della mitologia di Arda, mondo immaginario creato da J. R. R. Tolkien.

Presso la religione induista, un aneddoto mitologico avente come protagonista Ganesha (la divinità dalla testa d’elefante) spiega l’origine delle fasi lunari (v. Ganesha e la Luna). A Maometto viene attribuito il miracolo della divisione della luna.

Parole come “lunatico” sono derivate dalla Luna.

La Luna (crescente) con una stella è il simbolo, adottato per la prima volta da Mustafa III (1757–1774) e poi definitivamente scelto da Abdul Hamid I (1774–1789) e Selim III (1789–1807), dell’Impero ottomano ed è tutt’ora presente in alcune bandiere degli Stati musulmani.

La Luna Sbagliata

Elena Lazzaretto
La Luna Sbagliata
10 false convinzioni sulla Luna
Kellerman Editore
€ 5

Ampio rilievo occupa la Luna nelle credenze popolari: per i pescatori bisogna pescare sempre nelle notti di luna piena perché la luna attira i pesci in superficie, mentre i contadini sostengono che il mosto vada messo nelle botti durante il novilunio, per farlo diventare vino. Negli orti, poi, la luna occupa un ruolo importantissimo: bisogna sempre seminare in luna calante. Ad esempio la lattuga non farebbe il maschio (il fiore). È tuttora diffusa anche la credenza dell’aumento delle nascite in fase di Luna crescente. Anche gli antichi proverbi popolari si occupano estesamente dell’influenza della Luna su tutti gli aspetti della vita contadina, basti pensare al proverbio: «Luna di grappoli a gennaio luna di racimoli a febbraio».


Nella mitologia medioevale, la Luna piena occupa una posizione importante: si credeva che i lupi mannari si trasformassero alla luce della Luna, credenza con origini risalenti all’antichità classica; inoltre, sin dall’età romana, stregoni e streghe si riuniscono per i loro Esbat, rituale che, attraverso la Tarda antichità, il Medioevo, il Rinascimento, la Storia moderna e contemporanea si è tramandato fino ad oggi ed è tuttora praticato.

Secondo molte teorie, forse c’è un falso ologramma lunare proiettato sopra il nostro reale satellite. Nel 2014 il teorico della cospirazione e YouTuber Crrow777 ha catturato accidentalmente qualcosa di strano su nastro. Un’onda sulla luna, simile a quella statica su uno schermo televisivo.

Ecco un link al video:

In realtà ci sono alcune culture antiche che fanno riferimento a un’epoca in cui non c’era affatto la luna. Secondo la leggenda Zulu, la nostra luna vuota è stata messa in atto da due fratelli con la pelle squamosa e simile a un pesce.
La leggenda dice che Wowane e Mpanku portarono la luna sulla Terra dopo averla rubata a un grande drago di fuoco. Solo dopo aver svuotato il pianeta simile a un uovo dal suo “tuorlo” lo hanno collocato nell’orbita terrestre. Curioso come l’antico simbolo dell’uovo cosmico abbia un serpente avvolto attorno ad esso.
E chi era il grande drago di fuoco? Il pianeta X, o Nibiru, è un ipotetico nono pianeta di cui nelle culture antiche si parla come il mondo natale degli dei. La NASA ha iniziato a prendere sul serio la sua esistenza. Presumibilmente la sua strana orbita lo fa rimanere invisibile per migliaia di anni. Questo pianeta è stato spesso paragonato al Drago Rosso del Libro dell’Apocalisse. Forse gli alieni hanno portato la luna con loro dal loro mondo natale.

La Macchina del Tempo

Herbert George Wells
La Macchina del Tempo
“Se vi fermate per pranzo, vi fornirò la prova del viaggio nel tempo”
Feltrinelli
€ 9

Allora cos’è la luna? È un gigantesco osservatorio per i signori alieni? Ricorda, la finta luna è il luogo in cui il regista ha sorvegliato e controllato la vita di Jim Carrey nel film The Truman Show.
Questa base lunare aliena è presumibilmente dove abbiamo cancellato i nostri ricordi prima di essere costretti a reincarnarci di nuovo. Uno dei teorici di tali “cospirazioni” è Max Spires, che è misteriosamente morto dopo aver vomitato liquido nero.

Alcuni sostengono che dopo la morte c’è un “trucco della luce” per il quale non devi assolutamente cadere. Andare verso tale luce ti porterebbe in realtà ad un ingresso nella luna e, come suggerisce il logo della DreamWorks, è qui che gli “dei” pescano le anime…


Tutto quello che abbiamo sentito su “andare verso la luce” è in verità programmazione (predictive programming), ed è una trappola, simile a una falena attratta da una fiamma.

Ed ancora… alla luna è da sempre, in quasi tutte le culture, associato il coniglio.

CHI VUOL INTENDERE INTENDA…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: